Soluzioni Selko
no

IT

Close
Chiudere / Cerrar / Zavřít / Zatvoriť

Choose your language:
Scegliere la lingua:
Elija su idioma:
Vyberte si prosím svůj jazyk:
Vyberte si svoj jazyk:
CZECHIA ESPAÑA Inglese Portoghese SLOVAKIA

Additivi alimentari per ridurre il metano nei bovini

Importante da sapere...

Quali riduzioni si possono ottenere con gli additivi per mangimi che riducono il metano?

I governi e le aziende di trasformazione del latte stanno fissando obiettivi di riduzione del metano perché vogliono raggiungere le riduzioni concordate per il 2030 e il 2050. Questi obiettivi non possono essere raggiunti solo utilizzando additivi per mangimi per ridurre il metano, ma gli additivi per mangimi che riducono il metano possono dare un contributo importante. Scoprite quali sono gli additivi per mangimi per bovini che riducono il metano disponibili e quali di questi additivi per mangimi per ridurre il metano non aumentano i costi per kg di latte prodotto.

Selko® | condividere le più recenti conoscenze scientifiche

"La composizione dei mangimi per il bestiame è un modo promettente per ridurre le emissioni di gas metano"

Guarda le registrazioni del webinar del Dr. E. Kebreab: "Strategie efficaci per ridurre l'impronta di carbonio dei bovini da latte ".

Guarda i video

Figura 1: emissioni di gas serra di un'azienda lattiero-casearia espresse come percentuale delle emissioni totali dell'azienda. Oltre il 40% del metano prodotto in un allevamento è legato alla fermentazione del rumine.

La differenza tra gli additivi per mangimi che riducono il metano con un effetto diretto e indiretto sulle emissioni di metano

A seconda del livello di produzione, dello stadio di lattazione e della razione, circa il 40% delle emissioni totali di metano di un'azienda agricola deriva dalla produzione di metano enterico nel rumine (vedi figura 1). Ciò significa che c'è una differenza tra la riduzione del livello di emissione di metano enterico e la riduzione del livello di emissione totale di metano. Ad esempio, un additivo per mangimi che riduce il metano enterico del 30% ridurrà le emissioni totali di metano di circa il 12%.

Perché alcuni additivi per mangimi che riducono il metano aumentano il costo della produzione di latte?

Esistono additivi per mangimi che riducono le emissioni di metano con un effetto diretto sulla produzione di metano nel rumine. Questi additivi riducono le emissioni di metano delle vacche da latte perché modificano il processo di fermentazione nel rumine. Tuttavia, questi additivi per mangimi che riducono il metano costano, ma non aumentano la produzione di latte e quindi aumentano il costo per litro di latte prodotto nell'azienda.

Reducing the carbon footprint of a dairy farm without increasing cost of milk production

A life cycle assessment of Selko IntelliBond has shown that it can reduce the carbon footprint of a dairy farm while reducing the cost per kg of milk produced. Download the brochure for more information

Additivi per mangimi per ridurre il metano che non aumentano i costi di produzione

In alternativa, esistono additivi per mangimi che riducono il metano con un effetto indiretto sulle emissioni di metano delle vacche. Questi additivi alimentari per bovini per ridurre il metano aumentano l'efficienza alimentare. La vacca continuerà a mangiare la stessa quantità di mangime, con una produzione fissa di metano, ma produrrà più latte. Di conseguenza, le emissioni di metano per kg di latte si riducono. Gli additivi alimentari per la riduzione del metano che hanno un effetto indiretto sulle emissioni di metano hanno il vantaggio di non aumentare il costo per litro di latte prodotto in azienda. Anzi, aumentano l'efficienza dei mangimi e quindi hanno il potenziale per ridurre il costo per kg di latte prodotto.

Figura 2: miglioramento percentuale della digeribilità delle fibre in 14 studi condotti su bovini con diete diverse. Il miglioramento della digeribilità delle fibre grazie agli additivi alimentari che riducono il metano, come Selko IntelliBond, riduce la quantità di metano prodotta per kg di latte. Gli studi presentati in questo grafico sono stati sottoposti al professor Kebreab nell'ambito della revisione della valutazione del ciclo di vita di Selko IntelliBond sulle emissioni di metano.

Selko IntelliBond: un additivo per mangimi a riduzione di metano con effetto indiretto

Gli additivi alimentari per la riduzione del metano come Selko IntelliBond riducono il metano perché migliorano l'efficienza alimentare. Uno studio condotto dalla Ohio State University[1] ha dimostrato che la sostituzione completa dei minerali in traccia solfati nella razione con Selko IntelliBond migliora la digeribilità delle fibre nelle vacche da latte. Questo dato è stato confermato da diversi studi condotti da esperti[2,3,4,5,6,7,8] (vedi Figura 2). Ogni punto di differenza nella digeribilità dell'NDF può aumentare la produzione di latte di 0,25-0,3 kg di latte corretto per l'energia[9].

Diversi studi[10,11,12] hanno confermato che Selko IntelliBond aumenta la produzione di latte nelle vacche da latte. Selko IntelliBond è quindi un esempio di additivo per mangimi a riduzione di metano che riduce le emissioni di metano per kg di latte prodotto, riducendo al contempo il costo per kg di latte prodotto.

Guardate il capitolo 3 del webinar del Dr. Kebreabs sulle possibili opzioni per la riduzione diretta delle emissioni di metano.

Selko IntelliBond è un additivo per mangimi certificato per la riduzione del metano.

Il Dr. E. Kebreab, professore dell'Università della California, Davis, ha valutato l'effetto della sostituzione dei minerali traccia solfati con i minerali traccia Selko IntelliBond. Il professor Kebreab ha concluso che la somministrazione di oligominerali Selko IntelliBond riduce le emissioni totali di metano dell'1,5-2,0%. Questo fa di Selko IntelliBond il primo additivo per mangimi a base di oligominerali al mondo in grado di ridurre il metano, con un'approvazione ufficiale e un certificato di riduzione del metano per kg di latte corretto dal punto di vista energetico nelle bovine da latte.

Figura 4, Risultati di due studi condotti su vacche da latte in cui le emissioni di metano, espresse come intensità di emissione di metano, sono state confrontate tra controlli negativi e vacche da latte alimentate con Selko Fytera Balance, uno degli additivi alimentari Selko per la riduzione del metano. Gli studi presentati in questo grafico sono stati utilizzati per calcolare la valutazione del ciclo di vita di Selko Fytera Balance sulle emissioni di metano.

Altri additivi per mangimi Selko per ridurre il metano


Un altro additivo Selko per la riduzione del metano è Selko Fytera Balance. Il prodotto combina un miglioramento dell'efficienza del mangime con una riduzione dell'8-10% dell'emissione diretta di metano dal rumine, con conseguente riduzione del 5-6% delle emissioni totali di metano[13,14,15] (vedi Figura 4). Selko IntelliBond e Selko Fytera Balance sono additivi per mangimi per la riduzione del metano che agiscono con modalità d'azione diverse. Pertanto, con la combinazione di questi due additivi per mangimi Selko per la riduzione del metano, è possibile ottenere una riduzione totale dell'8% delle emissioni totali di metano.

Nuovi additivi per mangimi per ridurre il metano

Conservanti per insilati

Esistono altre opportunità per ridurre le emissioni di metano dei ruminanti. La conservazione dell'insilato può avere un impatto sulla qualità microbica, sul livello di nutrienti e sull'appetibilità dell'insilato. Se la qualità dell'insilato non è gestita correttamente, l'assunzione di mangime e la produzione di latte si riducono, rendendo la produzione di latte meno efficiente. Gli inoculanti per l'insilato o i prodotti per la conservazione dell'insilato, come Selko Fyvalet Silage, possono migliorare la qualità dell'insilato e sono quindi potenzialmente additivi per mangimi per ridurre il metano. L'impatto dei prodotti per la conservazione dell'insilato sulla qualità dell'insilato varia enormemente da un'azienda all'altra, per cui è molto difficile quantificare l'impatto sulle emissioni di metano dell'azienda di questi additivi alimentari che riducono il metano.

qualità TMR

La crescita microbica in un TMR può avere un forte impatto negativo sul valore nutrizionale del TMR e sulla salute del rumine delle vacche da latte. I prodotti per la conservazione della razione lattea, come Selko TMR, migliorano quindi la qualità della razione lattea e aumentano l'assunzione di mangime, con conseguente aumento dell'efficienza della produzione di latte. Una recente sperimentazione su animali sottoposti a condizioni di stress da caldo ha dimostrato un aumento della produzione di latte di 1,7 kg di ECM al giorno negli animali trattati con Selko TMR Dry16 senza un aumento dell'assunzione di sostanza secca. Anche per i prodotti di conservazione TMR, l'impatto sull'efficienza alimentare e sulla riduzione del metano varia da azienda ad azienda. A ciò si aggiunge la variazione stagionale, che rende imprevedibile l'effetto di questi additivi alimentari per bovini sulla riduzione del metano.

Neutralizzare l'effetto delle aflatossine

La contaminazione del mangime da latte con aflatossine può provocare il rifiuto del latte, il che significa che le vacche produrranno metano, ma non latte. La contaminazione dei mangimi da latte con altre micotossine può avere un forte impatto negativo sulla salute del rumine, con conseguente riduzione della produzione di latte. È stato dimostrato che Selko Toxo MX riduce il rischio di contaminazione del latte con aflatossine17. È stato dimostrato che Selko Toxo XXL aumenta la produzione di latte in animali alimentati con una dieta contaminata da aflatossine, senza aumentare l'assunzione di sostanza secca, con conseguente riduzione delle emissioni di metano per kg di latte prodotto18.

Ricerca di nuovi additivi per mangimi per ridurre il metano

Sul mercato esistono additivi per mangimi per la riduzione del metano che possono ridurre le emissioni totali di metano dei bovini da latte di circa il 12%, ma non aumentano l'efficienza alimentare. Gli additivi per mangimi per bovini che riducono il metano, come Selko IntelliBond e Selko Fytera Balance, aumentano l'efficienza alimentare e riducono il costo della produzione di latte. Con questi due additivi per mangimi che riducono il metano, è possibile ottenere una riduzione delle emissioni di metano di circa l'8%. Gli additivi per mangimi ideali per ridurre il metano dovrebbero combinare una riduzione di almeno il 15% delle emissioni totali di metano con un aumento della produzione di latte, riducendo così in modo significativo il costo della produzione di latte. La ricerca di tali additivi per mangimi che riducono il metano per i bovini è in corso!

Additivi per il letame per ridurre le emissioni di metano dei ruminanti

Il metano prodotto dal letame contribuisce in modo significativo all'impronta di carbonio totale di un'azienda agricola. Gli additivi per letame per ridurre l'impronta di carbonio dovrebbero idealmente ridurre le emissioni di metano, ma anche di protossido di azoto e ammoniaca dal letame, il che a termine dovrebbe migliorare la salute polmonare degli animali nella stalla. Questi additivi per letame dovrebbero anche aumentare la resa di biogas in un bioprocessore e aumentare il valore nutritivo del letame per le piante, consentendo di ridurre l'uso di fertilizzanti sintetici. Infine, l'additivo per letame ideale dovrebbe anche migliorare la qualità del suolo una volta che il letame viene portato sul terreno. Rispetto agli additivi per mangimi per ridurre il metano, sono possibili riduzioni delle emissioni di metano per animale simili o superiori.

Per saperne di più sull'allevamento sostenibile di bestiame da latte...

Riferimenti sugli additivi per mangimi per ridurre il metano

  1. Faulkner, M.J. and W.P. Weiss (2017). Effect of source of trace minerals in either forage- or by-product-based diets fed to dairy cows: 1. Production and macronutrient digestibility, Journal of Dairy Science 100:5358-53-67.
  2. Miller, M.D, Lanier, J.S, Kvidera, S.K, Dann, H.M, Ballard, C.S. and R.J. Grant (2020). Evaluation of source of corn silage and trace minerals on lactational performance and total-tract nutrient digestibility in Holstein cows. J. Dairy Sci., 103:3147-3160.
  3. Guimaraes, O, Jalali, S, Wagner, T, Spears, J and T. Engle (2019). The influence of trace mineral source on fiber digestion, rumen fermentation characteristics, and mineral solubility in beef cattle fed a low-quality forage diet. J. An. Science. 97, Issue Supp. 3: 167.
  4. Guimaraes, O, Wagner, T, Spears, J and T. Engle (2020). Influence of trace mineral source on digestion, ruminal volatile fatty acid and soluble mineral on steers fed a dairy type diet balanced to meet requirements for a high producing lactating dairy cow. J. An. Science. 98, Issue Supp. 3: 133–134.
  5. Caldera, C.E, Weigel, B, Kucharczyk, V.N, Sellins, K.S, Archibeque, S.L, Wagner, J.J, Han, H, Spears, J.B. and T.E. Engle (2019). Trace mineral source influences ruminal distribution of copper and zinc and their binding strength to ruminal digesta. J. Anim. Sci., 97:1852-1864.
  6. Genther, O.N. and S.L. Hansen (2015). The effect of trace mineral source and concentration on ruminal digestion and mineral solubility. J. Dairy Sci., 98: 566-573.
  7. Van Kuijk, S, Swiegers, P and Y. Han (2022), Hydroxychloride trace minerals improve apparent total tract nutrient digestibility in Bonsmara beef cattle. Livestock Science: 256(4):104820.
  8. Ibraheem, M, Kvidera, S. and B. Bradford (2021). Meta-analysis to determine the impact of trace mineral source on nutrient digestibility in dairy and beef animals. J. Dairy Sci. 104:97.
  9. Oba, M. and M.S. Allen (1999). Evaluation of the Importance of the Digestibility of Neutral Detergent Fiber from Forage: Effects on Dry Matter Intake and Milk Yield of Dairy Cows. J. Dairy Sci., 99:589-596.
  10. Yasui, T, Ryan, C.M, Gilbert, R.O, Perryman, K.R. and T. R. Overton (2014). Effects of hydroxy trace minerals on oxidative metabolism, cytological endometritis, and performance of transition dairy cows. J. Dairy Sci. 97: 3728-3738.
  11. Daniel, J.B, Kvidera, S.K. and J. Martín-Tereso (2020). Total-tract digestibility and milk productivity of dairy cows as affected by trace mineral sources. J. Dairy Sci. 103 (10)
  12. Lee, C, Copelin, J.E. and M.T. Socha (2022). Effect of zinc sources and experimental conditions on zinc balance in growing wethers. Animal Science.
  13. Silvestre, T, Räisänen, R.S, Wasson, D.E, Cueva, S.F, Lage, C.F.A, Wall, E.H, and A. N. Hristov (2021). Effects of rumen protected botanicals on lactational performance, methane emission, and blood metabolites of dairy cows, J. Dairy Sci. 104, Suppl. 1:318.
  14. Silvestre, T, Räisänen, R.S, Cueva, S.F, Wasson, D.E, Lage, C.F.A, Martins, L.F, Wall, E.H, and A. N. Hristov (2022) Effects of a combination of Capsicum oleoresin and clove essential oil on metabolic status, lactational performance, and enteric methane emissions in dairy cows. J. Dairy Sci. 105.
  15. Martins, L.F, Crater, S.E, Cueva, S.F, Silvestre, T, Stepanchenko, N, Wasson, D.E, Wall, E. and A. N. Hristov (2022). Effects of botanical preparations on lactational performance and enteric methane emission in dairy cows, J. Dairy Sci. 105, Suppl. 1:121.
  16. Jansen, L. and S. van Kuijk (2023). Increase milk production by preserving the nutritional value of the dairy ration, Proc. of the 7th EAAP Congress, Lyon, August 28-September 1, abstract 41315.
  17. Gallo, A, Rocchetti, G, Piccioli Cappelli, F, Pavone, S, Mulazzi, A, van Kuijk, S, Han, Y and E. Trevisi (2020). Effect of a Commercial Bentonite Clay (Smectite Clay)on Dairy Cows Fed Aflatoxin-Contaminated Feed, Dairy, 1:135–153.
  18. Catellani, A., Han, Y., Bisutti, V., Ghilardelli, F., Fumagalli, F., Trevisi, E., Ceccinato, A., Swamy, H, Van Kuijk, S. and A. Gallo. (2023)Mycotoxin-deactivating feed additive supplementation in dairy cows fed Fusarium-contaminated diet. Proc. of the 7th EAAP Congress, Lyon, August 28-September 1, abstract 42608.