RESPONSIBLE TRACE MINERAL MANAGEMENT
no

IT

Close
Chiudere / Cerrar / Zavřít / Zatvoriť

Choose your language:
Scegliere la lingua:
Elija su idioma:
Vyberte si prosím svůj jazyk:
Vyberte si svoj jazyk:
CZECHIA ESPAÑA Inglese Portoghese SLOVAKIA

Selko | Sustainable Dairy Performance

RESPONSIBLE TRACE MINERAL MANAGEMENT

Gestione responsabile dei minerali in traccia nelle bovine da latte

La chiave di lettura di questo articolo

  • L'apporto di oligoelementi alle vacche da latte è fondamentale per la salute, la performance e la fertilità del bestiame.
  • L'apporto eccessivo di minerali in tracce alle vacche da latte può provocare tossicità e problemi ambientali.
  • I livelli di minerali nei foraggi delle vacche da latte possono variare; quando si calcola la quantità di oligominerali da fornire, bisogna tenere conto di questi livelli.
  • La fonte di oligominerali può avere un grande impatto sulla performance lattiero-casearia, ma anche sull'impatto ambientale e quindi sulla sostenibilità dell'allevamento lattiero-caseario.

Somministrare il giusto livello di minerali traccia per ottimizzare le prestazioni del latte, riducendo al minimo l'impatto ambientale.

L'alimentazione delle vacche da latte con il giusto livello di minerali è importante per l'allevamento sostenibile, perché è fondamentale per la salute generale e le prestazioni delle vacche da latte. Una corretta alimentazione minerale delle vacche da latte è anche essenziale per ridurre al minimo l'impronta ambientale dell'allevamento. Le vacche da latte moderne hanno un merito genetico più elevato, maggiori livelli di produzione e livelli più elevati di stress metabolico. Inoltre, gli equilibri del suolo, le varietà di colture e i fertilizzanti stanno cambiando. Infine, l'uso eccessivo di oligominerali solleva preoccupazioni ambientali. Le vacche da latte hanno bisogno di almeno 15 minerali diversi per una buona salute e produttività (vedere Figura 1). Per questo motivo, la maggior parte delle discussioni sull'uso dei minerali nelle diete dei bovini da latte si concentra sulle conseguenze di un apporto insufficiente e sul potenziale impatto delle carenze sulla produzione, sulla salute e sulle prestazioni riproduttive delle vacche da latte. Di conseguenza, la conversazione si sposterà presto sugli integratori aggiuntivi.

Figura 1: impatto di diversi minerali traccia e vitamine sui sistemi di organi e sulle funzioni corporee essenziali delle vacche da latte.

Figura 2: Integrazione di oligoelementi e performance animale. La regolazione fisiologica dell'assorbimento dei metalli mostra che la nutrizione con oligoelementi non è lineare.

Un apporto eccessivo di oligoelementi alle vacche da latte può causare gravi problemi.

I requisiti per una vacca specifica dipendono da fattori quali il merito genetico e il potenziale produttivo, la produzione di latte, lo stato di gravidanza e la fase della lattazione, nonché la dieta che viene somministrata.

Somministrare livelli di minerali in eccesso rispetto al fabbisogno delle vacche da latte fa lievitare i costi, introduce un rischio di tossicità, riduce le prestazioni lattiero-casearie e aumenta l'impronta ambientale dell'allevamento di vacche da latte, poiché i minerali in eccesso vengono espulsi nell'ambiente. Questi rischi sono aumentati da un approccio secondo cui 'nutrire di più è meglio'. Lavorando per bilanciare attentamente le diete, sarà possibile ridurre l'uso di minerali e i costi in molte aziende lattiero-casearie.

Per massimizzare le prestazioni del settore lattiero-caseario, l'obiettivo deve essere quello di mantenere le vacche da latte in una posizione di alimentazione ottimale, che soddisfi i requisiti della vacca (vedere Figura 2). Un apporto inferiore all'ottimale comporterà un grado crescente di carenza, mentre un'alimentazione superiore all'ottimale spingerà le vacche da latte verso il rischio di tossicità e aumenterà sicuramente i costi senza alcun ritorno sull'investimento.

La somministrazione eccessiva di minerali traccia è un problema comune nelle mandrie da latte?

In un'indagine condotta nel Regno Unito[1], sono stati recuperati campioni di fegato da 510 bovini abbattuti e sono state determinate le concentrazioni di rame nel fegato. Delle razze da latte incluse nello studio, il 38,3% presentava livelli di rame superiori al range di riferimento dell'Agenzia per la Salute Animale e i Laboratori Veterinari (AHVLA) (vedere Figura 3), indicando che una percentuale significativa della mandria bovina del Regno Unito è a rischio di tossicità cronica da rame.

µmol/kg DM HF Dairy Other Dairy Beef Bulls
Below Normal
< 1405
30
7.7
6
20%
42
54.5%
5
35.7%
Normal
1405-5618
131
33.7%
10
33.3%
17
22.1%
3
21.4%
Above Normal
> 5618
228
58.6%
14
46.7%
18
23.4%
6
42.8%
Above AHVLA
> 8000
149
38.3%
12
40%
13
16.9%
3
21.4%



Figura 3: Percentuale di campioni di fegato di bovini abbattuti con valori di rame inferiori alla norma, all'interno dell'intervallo normale, superiori alla norma e superiori ai valori di riferimento dell'Agenzia britannica per la salute animale e i laboratori veterinari (AHVLA).


Il problema dell'eccesso di minerali traccia nelle mandrie da latte è molto diffuso. Uno studio in azienda che ha coinvolto oltre 50 mandrie da latte commerciali nel Regno Unito[2] ha incluso l'analisi di sodio, potassio, calcio, magnesio, fosforo, rame, zinco, ferro, manganese e molibdeno della razione di latte. Lo studio ha comportato un'analisi dettagliata dei minerali forniti da ogni componente della dieta, compresa l'acqua, nonché degli eventuali integratori utilizzati. La maggior parte delle mandrie da latte nello studio somministrava minerali in eccesso rispetto al fabbisogno di minerali in tracce. La sovrabbondanza di minerali era prevalente sia nelle vacche da latte appena partorite che in quelle in lattazione avanzata, con un eccesso di calcio, sodio, potassio, magnesio, zinco, ferro e manganese. In particolare, nelle vacche in transizione, il calcio e il potassio superavano in modo significativo le raccomandazioni, aumentando il rischio per le vacche da latte di soffrire di ipocalcemia e febbre da latte.

Un apporto eccessivo di minerali traccia può avere un impatto sulle prestazioni del latte.

I livelli di rame nella razione di latte avranno un impatto sulla fertilità delle vacche da latte (vedere Figura 4).

  Control High s.e.d. P-value
Onet oestrus, d 359 229 25.0 0.022
Services/conception 1.4 1.9 0.23 0.486
Pregnancy 1st service, % 59.4 46.9   0.486
Pregnancy 1st and 2nd service, % 96.9 75   0.08


Figura 4: Parametri di fertilità delle vacche da latte alimentate con alti livelli di rame (27 mg/kg DM) rispetto a un gruppo di controllo di vacche da latte alimentate con livelli normali di rame (15 mg/kg DM). Gli alti livelli di rame hanno determinato un inizio più precoce dell'estro, ma i tassi di concepimento sono stati più alti nel gruppo di controllo alimentato con livelli normali di rame.

Figura 5: Livelli di zinco escreto nelle feci, escreto con le urine e assorbito nei manzi alimentati con IntelliBond Z o con solfato di zinco. La quantità di zinco trattenuta corrisponde alla quantità assorbita meno la quantità escreta attraverso le urine.

L'impatto negativo dell'eccesso di offerta sull'ambiente

Lo zinco che non viene assorbito dal tratto gastrointestinale non sarà disponibile per l'animale. Lo zinco in eccesso, tuttavia, non viene immagazzinato, ma viene espulso nell'ambiente (vedere Figura 5), dove ha un forte impatto negativo sui microbi del suolo, essenziali per la qualità del suolo.

Calcolo del livello corretto di integrazione di oligoelementi nelle vacche da latte

Il punto di partenza per una nutrizione minerale accurata e responsabile delle vacche da latte è un'analisi minerale di tutti i componenti della dieta e in particolare dei foraggi. Sono disponibili informazioni sul contenuto minerale delle miscele, dei composti e della maggior parte degli alimenti semplici, ma pochi allevatori conoscono lo stato minerale dei loro foraggi. Poiché i foraggi sono gli ingredienti principali di una dieta da latte, un'analisi minerale dei foraggi dovrebbe essere il punto di partenza per valutare l'apporto minerale nella razione da latte.

Il contenuto minerale dell'erba e dei foraggi per le vacche da latte sarà influenzato dal terreno, dal clima, dall'età del raccolto al momento del taglio e da altri fattori. Di conseguenza, il contenuto minerale negli insilati varia di anno in anno, a volte in modo molto marcato. Pertanto, le cifre medie dei livelli di micro-minerali non possono sostituire la conoscenza del valore nutritivo dei foraggi in una pinza per insilati. Un saggio minerale per gli insilati può essere effettuato utilizzando il campione prelevato per l'analisi di routine. I valori risultanti da tale saggio possono essere utilizzati per costruire una dieta bilanciata per soddisfare i requisiti minerali di una mandria da latte.

Mentre le medie possono essere utilizzate per i rettilinei, è importante capire anche se la miscela o il composto è mineralizzato e, in tal caso, quali sono i livelli di premiscela. Si assicuri di conoscere i livelli di minerali nei composti e li includa nella valutazione dell'apporto di minerali nella dieta totale di una mandria da latte. Anche i minerali in polvere dell'azienda, i secchi, i blocchi e i boli devono essere inclusi nei calcoli.

I vantaggi di somministrare il giusto livello di minerali in tracce alle vacche da latte

Confrontando l'apporto minerale con il fabbisogno minerale delle vacche da latte, i nutrizionisti potranno valutare se è necessaria un'integrazione supplementare. Qualsiasi integratore, in qualsiasi forma, deve essere visto come un modo per integrare l'apporto minerale degli altri ingredienti della dieta della vacca da latte. Se la dieta totale non soddisfa il fabbisogno di oligominerali della vacca da latte, si deve cercare un integratore specifico che fornisca esattamente ciò che è necessario.

Se, invece, la dieta fornisce minerali in eccesso rispetto al fabbisogno di minerali in tracce della vacca da latte, allora deve ridurre le fonti integrative. In molte aziende lattiero-casearie, ci sarà l'opportunità di eliminare le fonti supplementari di alcuni minerali per le vacche da latte, risparmiando sui costi, forse snellendo i compiti e certamente riducendo l'impatto ambientale dell'allevamento lattiero-caseario, grazie alla riduzione della quantità di minerali escreti nell'ambiente.

Calcola il tuo ritorno sull’investimento!

Scopri come un allevamento da latte sostenibile possa migliorare la tua redditività

Contrariamente alla credenza comune, è più che possibile gestire un allevamento in modo sostenibile e allo stesso tempo generare maggior reddito.

Calcola il ritorno dell’investimento agendo sui 4 indicatori chiave dello stato di salute della vacca che influenzano la sua carriera produttiva in allevamento (LDY).

Scopra di più sull'allevamento lattiero-caseario sostenibile...

Riferimenti sulla gestione responsabile dei minerali in tracce delle vacche da latte

  1. Kendall N.R, Holmes-Pavord, H.R, Bone, P.A, Ander, E.L. and S.D. Young (2015). Concentrazioni di rame nel fegato dei bovini abbattuti nel Regno Unito: i bovini vengono caricati di rame? Vet. Rec, 177:493.
  2. Sinclair, L.A. and N.E. Atkins (2015). Assunzione di minerali selezionati nelle mandrie da latte commerciali dell'Inghilterra centrale e settentrionale rispetto ai requisiti. Giornale di Scienze Agrarie. 153(04):743-752.