TRACE MINERAL MANAGEMENT
Yes

IT

Close
Chiudere / Cerrar / Zavřít / Zatvoriť

Choose your language:
Scegliere la lingua:
Elija su idioma:
Vyberte si prosím svůj jazyk:
Vyberte si svoj jazyk:
CZECHIA ESPAÑA Inglese Portoghese SLOVAKIA

Effetto della fonte minerale di zinco sulla fermentazione del rumine delle vacche da latte

Principali risultati di questo articolo

  • IntelliBond Z è stato confrontato con altre fonti minerali di zinco in un modello in vitro che testa la scomparsa apparente di materia organica (aOMD) e la produzione apparente di biomassa microbica (aMBP).
  • Selko IntelliBond Z è risultato superiore a tutte le altre fonti di zinco testate.
  • È stato dimostrato che questi parametri per la funzione del rumine delle vacche da latte sono correlati alle prestazioni della lattazione.

L'integrazione di oligoelementi può avere un impatto significativo sulle prestazioni dei prodotti lattiero-caseari.

Le vacche da latte hanno bisogno di almeno 15 minerali diversi per garantire salute e produttività. Tradizionalmente, l'attenzione dei nutrizionisti del settore lattiero-caseario è stata rivolta a evitare un apporto insufficiente per prevenire le carenze. Più recentemente, è emerso che il livello di integrazione e la fonte di minerali in traccia utilizzati nelle razioni delle vacche da latte possono avere un impatto significativo sulla fermentazione del rumine delle vacche da latte e quindi sulla digeribilità dell'NDF. La fonte di minerali in tracce somministrata può avere un impatto negativo sull'efficienza alimentare, sulle prestazioni in lattazione e sulla salute e fertilità delle vacche da latte. È stato suggerito che un aumento di 1 punto nella digeribilità dell'NDF porta a un aumento di 0,17 kg di assunzione di sostanza secca e di 0,25 kg di latte corretto al 4% di grasso[1]. Una meta-analisi ha mostrato un miglioramento complessivo dell'1,7% in punti della digeribilità dell'NDF in vivo quando si somministrano i microelementi Selko IntelliBond rispetto ai solfati[2]. Tuttavia, ci sono pochi dati che valutano gli effetti delle fonti minerali supplementari sulle caratteristiche di fermentazione del rumine delle vacche da latte. È stato condotto uno studio[3,4] utilizzando il modello Fermentrics per verificare l'effetto di varie fonti di zinco-minerali sulla scomparsa apparente di sostanza organica (aOMD) e sulla produzione apparente di biomassa microbica (aMBP). È stato dimostrato che questi parametri della funzione del rumine delle vacche da latte sono correlati alla performance lattazione[5].

Selko® | condividere le più recenti conoscenze scientifiche

"La composizione dei mangimi per il bestiame è un modo promettente per ridurre le emissioni di gas metano"

Guarda le registrazioni del webinar del Dr. E. Kebreab: "Strategie efficaci per ridurre l'impronta di carbonio dei bovini da latte ".

Guarda i video

Diverse fonti di zinco-minerali sono state aggiunte a vasche di fermentazione contenenti una miscela di tampone KSU (80%) e liquido del rumine (20%) con 6 mm di latte macinato TMR, come substrato di fermentazione, all'interno di sacchi di 5 * 10 cm. I recipienti sono stati incubati per 48 ore in un bagno d'acqua isolato a 39,5°C. I dati sono stati analizzati utilizzando PROC MIXED (SAS institute Inc, Cary, NC). Un valore p≤ 0,05 è stato considerato significativo. Le diverse fonti di zinco incluse nella sperimentazione erano ossido di Zn, solfato di Zn, Selko IntelliBond Z, Prodotto V, Prodotto M e Prodotto A. Queste fonti minerali di zinco sono state confrontate con un controllo senza alcuna fonte di oligominerali.

Figura 1: Scomparsa apparente di materia organica di Selko IntelliBond Z rispetto ad altre fonti di oligominerali di zinco per le vacche da latte.

Figura 2: Produzione apparente di biomassa microbica di Selko IntelliBond Z rispetto ad altre fonti di oligominerali di zinco per le vacche da latte.

Risultati

Selko IntelliBond Z ha prodotto una maggiore aOMD rispetto al controllo senza fonte di zinco e a tutte le altre 5 fonti di zinco (vedi Figura 1).

Selko IntelliBond Z ha determinato una maggiore aMBP rispetto al controllo, al solfato di zinco, al prodotto V, al prodotto M e al prodotto A (P<0,05). È stata osservata una tendenza significativa al miglioramento dell'aMBP rispetto all'ossido di zinco (P<0,10, vedi Figura 2).

Conclusione

La scomparsa apparente di materia organica (aOMD) e la produzione apparente di biomassa microbica (aMBP) sono aumentate con Selko IntelliBond Z rispetto ai controlli, suggerendo un'influenza positiva dell'integrazione di zinco sulla fermentazione del rumine delle vacche da latte. Selko IntelliBond Z ha determinato un aumento di aOMD e aMBP rispetto a tutte le altre fonti di zinco, suggerendo che le diverse fonti di zinco possono avere un impatto diverso su questi due parametri per la fermentazione del rumine delle vacche da latte.

Riferimenti sull'impatto della fonte di zinco sulla fermentazione del rumine delle vacche da latte

  1. Oba, M. and M.S. Allen (1999). Evaluation of the Importance of the Digestibility of Neutral Detergent Fiber from Forage: Effects on Dry Matter Intake and Milk Yield of Dairy Cows. J. Dairy Sci., 99:589-596.
  2. Ibraheem, M, Kvidera, S. and B. Bradford (2021). Meta-analysis to determine the impact of trace mineral source on nutrient digestibility in dairy and beef animals. J. Dairy Sci. 104:97.
  3. ASAS abstract reference
  4. Boerboom, G.M, Peterson, C.B, McCarthy, M.M, Heldt, J.S, and J. Johnston (2023). Effect of mineral source on 48-h in vitro fermentation. Proceedings of the 74th EAAP Congress, Lyon, page 710.
  5. Ask Maris for reference about Fermentrics model

Scopri di più sulle prestazioni del settore lattiero-caseario...