IMPROVING HINDGUT HEALTH
yes

IT

Close
Chiudere / Cerrar / Zavřít / Zatvoriť

Choose your language:
Scegliere la lingua:
Elija su idioma:
Vyberte si prosím svůj jazyk:
Vyberte si svoj jazyk:
CZECHIA ESPAÑA Inglese Portoghese SLOVAKIA

Selko | Il programma per l’allevamento da latte sostenibile

IMPROVING HINDGUT HEALTH

I problemi di transizione delle vacche da latte sono causati dall'attivazione immunitaria sistemica

Durante il webinar HealthyLife del 25 febbraio 2021, il professor Lance Baumgard ha sfidato il dogma esistente secondo cui i problemi di transizione nelle vacche da latte sono causati da alti livelli di NEFA e ipocalcemia. Prove recenti suggeriscono che l'infiammazione sistemica richiede un importante adattamento metabolico che può avere un impatto sulla produttività, la riproduzione e la salute. Vicino al parto, l'infiammazione può provenire da più fonti tra cui l'utero e la ghiandola mammaria, ma anche da un "intestino che perde".

La chetosi e l'ipocalcemia non sono la causa dei problemi di transizione, sono il risultato dell'infiammazione sistemica

Solo il 50% delle vacche da latte in Nord America completa il periodo di transizione senza sperimentare uno dei seguenti problemi di salute[1] :

  • Distocia
  • Febbre del latte
  • Placenta trattenuta
  • Metrite
  • Chetosi
  • Abomaso spostato
  • Fegato grasso
  • Zoppia
  • Morte

Il pH e la produzione di LPS nel rumine, nell'intestino cieco e nelle feci di vacche alimentate con elevate quantità di cereali rispetto alle vacche di controllo. Aumentando il livello di amido, il pH è diminuito e l'LPS è aumentato sia nel rumine che nell'intestino posteriore (adattato da Li et al, 2012)39.

Figura 1, effetti dell'aumento di NEFA, iperchetonemia e ipocalcemia sulla salute delle vacche da latte e sulla produzione di latte.

La credenza tradizionale è che l'aumento di NEFA, l'iperchetonemia e l'ipocalcemia causino problemi di produzione e di salute nelle vacche da latte.

Studi retrospettivi e osservazionali nelle vacche da latte associano e correlano NEFA e BHBA con problemi durante la transizione alla lattazione[2,3,4,5,6] , ma d'altra parte, l'iperchetonemia e l'ipocalcemia sono talvolta correlate con una maggiore produzione di latte. Quindi, ci sono poche prove meccanicistiche su come NEFA, chetoni e calcio possano avere direttamente un'influenza così grande su una varietà di sistemi e malattie apparentemente scollegati (vedi figura 1).

Il dogma della chetosi

Il dogma della chetosi è sempre stato che l'eccesso di mobilitazione del tessuto adiposo causa fegato grasso e chetosi. Questo problema è esacerbato nelle vacche da latte ad alta produzione. Su questa base, l'obiettivo accademico e industriale è stato quello di ridurre i livelli di NEFA nel sangue. Ma perché l'evoluzione dovrebbe favorire uno scenario in cui la madre si mette in pericolo e compromette la sua capacità di nutrire i suoi piccoli?

I NEFA e i chetoni sono combustibili che sono stati usati quasi dall'inizio dei tempi. Tutti i mammiferi hanno un flusso e riflusso metabolico e usano periodicamente entrambi i combustibili. Anche i microbi immagazzinano e ossidano gli acidi grassi! L'attivazione immunitaria diminuisce l'assunzione di cibo in tutte le specie e i phyla, anche negli insetti. La chetosi è normale ed è la migliore strategia utilizzata per sopravvivere ai periodi di insufficienza di nutrienti. La mobilizzazione del tessuto adiposo e la parziale conversione di NEFA in chetoni sono essenziali per la massima produzione di latte delle vacche da latte all'inizio della lattazione.

Il dogma dell'ipocalcemia

Il dogma dell'ipocalcemia è sempre stato che l'assorbimento del calcio da parte del latte è così rapido ed esteso che supera la capacità omeostatica delle vacche da latte di reintegrarlo. Su questa base, l'obiettivo accademico e industriale è stato quello di ridurre al minimo l'ipocalcemia post parto nelle vacche da latte. Uno dei maggiori progressi nella nutrizione delle vacche da latte negli ultimi 30 anni è stata la quasi totale eliminazione della febbre da latte clinica con strategie di calcio alimentare pre parto. L'ipocalcemia subclinica è presunta patologica ed è stato universalmente riconosciuto che l'ipocalcemia clinica è un risultato negativo. L'ipocalcemia è un fattore causale nell'immunosoppressione peripartum, che porta ad un aumento del rischio di malattie metaboliche nelle vacche da latte (ovver mastite, metrite, abomaso dislocato).

Figura 2, l'LPS (lipopolisaccaride) viene assorbito dall'intestino e si lega alla LBP (lipopolisaccaride binding protein). Il complesso LPS-LBP attiva il TLR4 (toll-like receptor 4), che induce una risposta infiammatoria sistemica e un aumento delle proteine di fase acuta nella circolazione.

Infiammazione sistemica nelle vacche da latte

L'infiammazione sistemica si osserva in quasi tutte le vacche in transizione[7,8,9] . Potrebbe provenire dalla mastite o dalla metrite, ma anche dal tratto gastrointestinale. Potrebbe essere il rumine, ma ci sono sempre più prove che potrebbe essere anche il tubo posteriore. L'attivazione immunitaria sistemica provoca l'assorbimento di LPS dal lume intestinale nella circolazione (vedi figura 2).

Figura 3, effetto dei livelli di aptoglobina sulla salute e la mortalità delle vacche da latte dopo il parto.
Figura 4, effetto dei livelli di aptoglobina sull'incidenza della metrite nelle vacche da latte dopo il parto.

Anche gli insetti mostrano una diminuzione del consumo di cibo in risposta a un'infezione

I mediatori infiammatori sono noti per essere potenti composti anoressizzanti[10] . La riduzione dell'assunzione di cibo è una risposta altamente conservata delle specie all'infezione[11] , anche gli insetti mostrano una diminuzione del consumo di mangime in risposta a un'infezione. È stato dimostrato che le vacche da latte con un aumento dei livelli di aptoglobina nella circolazione erica hanno un DMI diminuito ma anche un aumento di NEFA e BHB[7] . L'infiammazione è la spiegazione più semplice e logica del perché alcune vacche in transizione non mangiano bene prima e dopo il parto. È stato dimostrato che l'aumento dei livelli di aptoglobina nel sangue precede la malattia clinica[12,13] (vedi figure 3 e 4).

Figura 5, conseguenze dell'attivazione immunitaria sistemica nelle vacche da latte di transizione.

La teoria del cambio di paradigma

Sulla base delle suddette prove, si ritiene che l'aumento di NEFA e l'iperchetonemia siano causati dall'ipofagia indotta dall'attivazione immunitaria e che anche l'ipocalcemia sia una conseguenza dell'attivazione immunitaria. Secondo questa teoria, la bassa assunzione di cibo, l'elevato NEFA, l'iperchetonemia e l'ipocalcemia nelle vacche da latte sono solo sintomi di una precedente stimolazione immunitaria (vedi figura 5).

Quindi, se una vacca da latte con chetosi non viene in latte, non mangia in modo aggressivo, ha un aspetto letargico e malinconico e ha una leggera febbre, dovrebbe essere trattata per la chetosi. Se invece sta mangiando come una campionessa, munge come una campionessa, ha un aspetto fantastico e non ha febbre, potrebbe essere una delle migliori vacche della mandria, non trattatela, lasciatela stare!

Conclusioni

L'attivazione immunitaria e la conseguente infiammazione giocano un ruolo importante nei disturbi metabolici delle vacche in transizione. NEFA elevati, chetoni e ipocalcemia subclinica non sono necessariamente negativi, finché la vacca è altrimenti sana (mangia e munge bene). L'attivazione immunitaria può essere responsabile di alcuni casi di ipocalcemia post parto. Questa ipocalcemia potrebbe tuttavia essere una strategia protettiva che una vacca da latte impiega per aiutare ad eliminare il suo carico di tossine[14] . Se l'attivazione immunitaria sistemica nelle vacche da latte è la causa di una riduzione dell'assunzione di mangime, la soluzione è quella di prevenire l'attivazione immunitaria per garantire la massima assunzione di materia secca dopo il parto.

Scarichi altre ricerche e documentazioni

Puoi accedere a tutta la nostra documentazione scientifica che sta alla base delle piattaforme HealthyLife e LifeStart, il materiale tecnico informativo sulle varie patologie delle vacche da latte, le schede tecniche dei prodotti e i protocolli di alimentazione.

Attivazione immunitaria e conseguente infiammazione: Impatti sul successo della vacca in transizione? Il professor Lance Baumgard PhD, della Iowa State University, elabora i dogmi della vacca in transizione. È tempo di una nuova interpretazione?

Si registri una volta e scarichi tutto ciò che le serve

This is not correct
This field is required
This is not correct
This is not correct.
This is not correct
Grazie per l'interesse dimostrato nei confronti di Selko HealthyLife

Le abbiamo appena inviato un'e-mail. Segui le istruzioni contenute in questa e-mail per completare il download. Si noti che in alcuni casi i filtri antispam possono bloccare le e-mail automatiche. Se non trovate l'e-mail nella vostra casella di posta, controllate la cartella della posta indesiderata.

Buona giornata!

Scopra di più sulla gestione della transizione...

Bibliografia

  1. Drackley, J.K, (1999), Biology of Dairy Cows During the Transition Period: the Final Frontier? Journal of Dairy Science Vol. 82, No. 11, 1999: 2259-2273.
  2. Chapinal, N, Carson, M, LeBlanc, S.J, Leslie, K.E, Godde, S, Capel, M, Santos, J.E.P, Overton, M.W, and T.F.Duffield (2012), The association of serum metabolites in the transition period with milk production and early-lactation reproductive performance. J. Dairy Sci. 95 :1301–1309.
  3. Duffield, T.F, Lissemore, K.D, McBride, B.W. and K.E. Leslie, (2009). Impact of hyperketonemia in early lactation dairy cows on health and production. J. Dairy Sci. 92:571–580.
  4. LeBlanc, S.J, Leslie, K.E, and T. F. Duffield (2005). Metabolic predictors of displaced abomasum in dairy cattle. J. Dairy Sci. 88:159–170.
  5. Ospina, P. A, Nydam, D.V, Stokol, T. and T.R. Overton (2010), Evaluation of nonesterified fatty acids and β-hydroxybutyrate in transition dairy cattle in the northeastern United States: Critical thresholds for prediction of clinical diseases. J. Dairy Sci. 93:546–554.
  6. Ospina, P.A, Nydam, D.V, Stokol, T. and T.R. Overton (2010). Associations of elevated nonesterified fatty acids and β-hydroxybutyrate concentrations with early lactation reproductive performance and milk production in transition dairy cattle in the northeastern United States. J. Dairy Sci. 93:1596–1603.
  7. Bradford B. J., Yuan K., Farney J. K., Mamedova L. K., Carpenter A. J. (2015). Inflammation during the transition to lactation: New adventures with an old flame. J. Dairy Sci. 98:6631-6650.
  8. Trevisi E., Massimo A., Cogrossi S., Bertoni G (2011). Metabolic stress and inflammatory response in high-yielding, periparturient dairy cows. Research in Veterinary Science 93(2):695-704.
  9. Bertoni, G, Trevisi, E, Han, X. and M. Bionaz (2008). Effects of inflammatory conditions on liver activity in puerperium period and consequences for performance in dairy cows. J. Dairy Sci. 91(9):3300-10.
  10. Kushibiki, S., Hodate, K Shingu, H, Obara, Y, Touno, E, Shinoda, M, and Y. Yokomizo. (2003). Metabolic and lactational responses during recombinant bovine tumor necrosis factor-α treatment in lactating cows. J. Dairy Sci. 86:819–827.
  11. Wang, A, Huen, S.C, Luan, H.H, Yu, S, Zhang, C, Gallezot, J, Booth,C. J. and R. Medzhitov (2016), Opposing Effects of Fasting Metabolism on Tissue Tolerance in Bacterial and Viral Inflammation. Cell 166, 1512–1525.
  12. Sabreda, D.A. (2012). Serum Haptoglobin as an Indicator for Calving Difficulties and Postpartal Diseases in Transition Dairy Cows. Undergraduate Thesis, Oregon State University, Corvallis.
  13. Huzzey, J.M, Duffield, T.F, LeBlanc, S.J, Veira, D.M, Weary, D.M and M. A. G. von Keyserlingk (2012). Haptoglobin as an early indicator of metritis, J. Dairy Sci. 92:621–625.
  14. Horst, E. A, Mayorga, E.J, Al-Qaisi, M, Goetz, B.M, Kvidera, S.K and L.H. Baumgard (2020). Effects of maintaining eucalcemia following immunoactivation in lactating Holstein dairy cows. J. Dairy Sci. 103.